instagramersitalia.it

In arrivo i commenti nidificati su Instagram

Instagram continua a sfornare novità, ancora una volta “mutuate” da Facebook:

una press-release di qualche ora fa annuncia che anche su Instagram i commenti saranno raggruppati in “thread”.

La volontà di Instagram è di aiutare le persone a seguire in maniera più semplice le varie discussioni che si generano sotto alcune foto.

A partire dalla versione 24 e superiori, quando cliccheremo “rispondi” sotto un commento, le nostre parole saranno automaticamente raggruppate sotto quelle cui rispondiamo (ad oggi cliccando “rispondi” Instagram aggiungeva il nome dell’autore del commento cui rispondevamo).

Non è la funzionalità che mi “svolta la vita”, ma devo ammettere che una volta che le persone avranno imparato a padroneggiarla, potrà dare una migliore fruibilità dello strumento e incentivare l’interazione tra le persone.

Si ringrazia @alebolotti5 per la segnalazione della news.

“Go live with a friends”: le dirette video a due su Instagram

Sul suo blog ufficiale Instagram ha annunciato che sta testando una nuova funzione: i “live video a due”.

Durante una diretta video, sarà infatti possibile aggiungere un “ospite” scelto tra quelli che stanno guardando la diretta in quel momento semplicemente facendo tap sull’icona in basso a destra e poi sul pulsante “ADD”.

I follower vedranno lo schermo diviso in due con entrambi i protagonisti del live.

L’ospite potrà essere rimosso in qualsiasi momento e naturalmente sarà possibile per lui uscire di sua iniziativa. Terminato il live, sarà sempre possibile condividerlo come “stories” e tenerlo on air per 24 ore.

Tale funzionalità è in roll out e sarà disponibile a tutti in un paio di mesi.

In pratica non potremo più guardare un live della Ferragni dallo sgabuzzino di casa nostra o senza essere perfettamente in ordine: potremo “andare in onda” sul suo profilo” da milioni e milioni di follower in qualsiasi momento.

Instagramers al Vineyardtour: terzo anno di fila tra i filari del Menfishire

Servizio a cura di Antonella Giovinco (@igers_agrigento)

Il verde dei filari, il giallo della campagna, l’azzurro del mare: il prossimo instameet di @igers_agrigento sarà pieno dei colori e dei profumi del @Menfishire, espressione della Sicilia che ci piace! Siete pronti per “Instagramers al Vineyard Tour”?! Per il terzo anno di fila viviamo la vendemmia da protagonisti insieme a @MandrarossaWines, tra i vigneti e il mare, a due passi dalla spiaggia di Giache Bianche, a Menfi (AG). Tutte le community di @igers_sicilia_ parteciperanno a #instameetAG6 e #vineyardtour2017 per un bel brindisi insieme al tramonto, e voi?! Appuntamento sabato 26 agosto, alle h. 17 a Casa Mandrarossa (Contrada Bertolino Lagano, Menfi): ai primi 50 instagramers che si iscriveranno (entro il 20/08) la community di Igers_Agrigento sarà lieta di regalare un calice di vino con la tracolla, per avere le mani libere per instagrammare la vendemmia e la passeggiata fino al mare! Prendetevela comoda e rilassatevi perché poi alle 20.30 scopriremo anche le più belle foto del challenge #MandrarossaSunset

Per iscriversi, basta mandare una mail a igersagrigento@gmail.com con nome/cognome/account Instagram/città di provenienza! E in più c’è una sorpresa SOLO PER I SOCI IGERSITALIA: scrivete in mail anche il numero di tessera, i primi 20 soci – oltre al calice di vetro, la tracolla e un ticket degustazione vino – avranno in regalo anche il cappello di paglia Mandrarossa! (Se non siete ancora soci Igersitalia, per associarvi basta un click a questo link).

Seguite l’evento con gli hashtag #instameetAG6 #igersagrigento #menfishire #mandrarossa #vineyardtour2017

Trentanni di Ferrara Buskers Festival

Servizio a cura di Barbara Lunghi (@Igersferrara)

1988 – 2017, il Ferrara Buskers Festival, la più conosciuta Rassegna Internazionale del Musicista di Strada, celebra quest’anno un importante anniversario: 30 anni dalla prima edizione, 30 anni di musica e di magia. Solitamente il festival ospita annualmente musicisti di un particolare paese straniero, ma quest’anno si ritorna alle origini, alla città che ha acceso un’idea nella mente di Stefano Bottoni, patron del festival, ovvero la convinzione che Ferrara potesse diventare una città cosmopolita proprio come New York City, dove a Time Square aveva ascoltato e si era innamorato di musicisti di strada.

Dopo 30 anni, cosmopolita o no, noi ferraresi sappiamo bene come si trasforma la nostra città durante la settimana dei Buskers: Ferrara si anima con la musica di strada, la gente si ferma ad ascoltare battendo il ritmo coi piedi, le piazze, le vie, palazzi e perfino i monumenti acquistano vita quando vengono avvolti dalle melodie musicali.

La community Igersferrara, in stretta collaborazione con l’Associazione Ferrara Buskers Festival, anche quest’anno organizza un challenge fotografico, aperto a tutti gli appassionati di fotografia e di Instagram, avente la stessa durata dell’evento (17-27 agosto), con unico hashtag ufficiale del progetto #buskersfe2017. L’obiettivo principale è testimoniare lo stretto legame tra i musicisti e la città, cogliere emozioni e suggestioni, strumenti e suonatori, la città in fermento e il fascino immutato di questa rassegna musicale… tutti questi elementi in armonia tra loro possono essere tradotti in splendide foto.

Questo in sintesi il programma (http://www.ferrarabuskers.com/luoghi-e-orari), arricchito come sempre da trasferte: – 17 agosto Mantova – 18 agosto Comacchio – 19-20 agosto Ferrara, – 21 agosto Lugo, – dal 22 al 27 nuovamente Ferrara, con esibizioni pomeridiane e serali a rotazione nel centro storico della città e con ulteriori concerti presso l’area Puedes Summer Night.

Viste le trasferte, durante il challenge, chiediamo di aggiungere anche la geolocalizzazione degli scatti oltre al tag della community igers locale (#igersferrara, #igersmantova, #igersravenna) a seconda della serata in programma.

Ormai manca poco, godetevi la musica e condividete le vostre foto con #BuskersFE2017.

Apri un account Instagram? Ecco le regole da seguire

Negli ultimi anni Instagram si sta impegnando sempre più affinché rimanga un posto tranquillo e accogliente, un “luogo” che le persone abbiano il piacere di frequentare.

Ecco una serie di consigli rilasciati da Instagram stesso, per “stare sereni”.

Autenticazione a due fattori

È un meccanismo tramite il quale ci viene chiesto un ulteriore codice di sicurezza ogni volta che accediamo a Instagram da un nuovo dispositivo.

Qui trovi le istruzioni per impostarla.

Password sicura

La password dev’essere difficile da indovinare (NO data di nascita, per intenderci!). Dovrebbe essere lunga almeno 6 caratteri e contenere lettere, numeri e caratteri speciali.

Ovviamente non va condivisa con nessuno di cui non ci si fidi. Quando la si inserisce in un dispositivo o computer pubblico è bene non selezionare l’opzione “Ricordami” e quando sintermina la consultazione eseguire il log out.

Verifica delle autorizzazioni

Probabilmente avrete installato qualche app o usato qualche servizio che avrete autorizzato ad accedere al vostro profilo. A questo link https://www.instagram.com/accounts/manage_access/  (è la versione desktop di Instagram, potete stare tranquilli se vi chiede la password) trovate il riepilogo di tutte le app che avete autorizzato nel corso del tempo. Revocate l’autorizzazione a quelle che non usate più.

Selezionare i follower con un account privato

Al contrario di Facebook, Instagram ha due sole impostazioni di privacy: account pubblico (tutti potranno vedere le vostre foto) account privato (potranno vedere le foto solo i follower che avete autorizzato manualmente)

L’impostazione predefinita è la prima. Se desiderate un po’ di privacy scegliete la seconda. RIcordate che in questo modo le vostre foto non saranno visibili tramite ricerca hashtag, quindi non potretr partecipare alle varie iniziative che si basano sugli hashtag, appunto, tipo i challenge di Igersitalia.

Bloccare chi non volete che vi segua o veda le vostre foto

È possibile controllare i follower anche con un account pubblico: “basta” bloccare uno per uno i profili. Quando bloccate una persona, questa non saprà che lo avete fatto. Potetei sempre sbloccare in un secondo momento le persone bloccate.

Mantenere il controllo sui commenti

Innanzitutto possiamo mettere un filtro ai commenti. L’abbiamo spiegato qua. Se, nonostante il filtro, ricevete ancora commenti che non vi piacciono, li potete sempre cancellare a mano,

Inoltre potrete anche decidere se permettere i commenti foto per foto.

Segnalare i comportamenti di bullismo, molestie o furto di identità

Instagram ci chiede di fare la spia e di segnalare chiunque si comporti in maniera difforme alle sue Community Guidelines.

Per segnalare un commento è sufficiente uno swipe verso sinistra e poi un tap sulla freccia;

per segnalare una singola foto o un account fare tap sull’icona “…” e quindi scegliere Segnala nella voce del menu.

È possibile usare anche questo form online

Per ultimo, Instagram ha creato questo form per segnalare qualcuno che sta impersonando voi o altri utenti.

Conclusioni

Pur essendo su Instagram da un po’, chi scrive non ha mai avuto problemi, pur usando molto l’applicazione e usufruendo di parecchi servizi. State però molto attenti a quelli che usate e non fatevi trarre in inganno dalla gratuità del servizio o dell’app. A volte sono gratis proprio perché in realtà mirano al vostro account.

Parte #MandrarossaSunset, la Sicilia si colora in un calice di vino

Servizio a cura di Antonella Giovinco (@igers_agrigento)

Il cielo che si colora, il paesaggio che si scalda, la serata che si accende… Comincia tutto da un bicchiere di vino al tramonto: in ogni giorno diverso, in ogni luogo unico, come il brand @MandrarossaWines, espressione di una Sicilia unica, partner di @igers_agrigento nel challenge dell’estate: un invito a interpretare il vostro #MandrarossaSunset e condividere le più belle foto che raccontino le mille sfumature di un calice di vino sul calar della sera. La community di @Igers_Agrigento invita quindi a raccontare con una foto i vostri tramonti più belli, i vostri scorci di eccezionale Sicilia: è possibile usare anche una foto già presente in gallery, purché originale e in tema. I tre scatti migliori saranno svelati sabato 26 agosto alle 20.30, dopo l’#instameetAG6 “Instagramers al VineyardTour”, dove troverete tutti gli ingredienti per un ottimo #MandrarossaSunset, vigneti in vendemmia, cucina del territorio, natura incontaminata, mare cristallino e vini pieni di energia e vitalità. Le foto selezionate saranno pubblicate con menzione sui canali social di @igers_agrigento e @MandrarossaWines, che offrirà ai tre autori anche un omaggio. Si può partecipare entro il 20 agosto 2017 anche con immagini già condivise e con più foto, purché accompagnate dagli hashtag #MandrarossaSunset e #IgersSicilia. Buon divertimento!

Miur e Igersitalia insieme per promuovere la lettura

Servizio a cura di Matteo Acitelli (@igersroma)

“I libri sono sempre un ottimo compagno di viaggio: nella vita, nella formazione, in vacanza”.

Con questo messaggio, il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, insieme alla community social IgersItalia, lancia oggi l’iniziativa #30libridamare, invitando studentesse e studenti, ma, più in generale, tutte e tutti coloro che hanno un profilo Instagram a unirsi per dare vita a un racconto social e collettivo sulle letture estive.

Un modo per rilanciare la passione per la lettura, per ricordare la sua importanza nella crescita e nella formazione di ciascuna e ciascuno e per incentivarla condividendo i libri scelti per le vacanze con la community dei social.

Per partecipare all’iniziativa basta pubblicare,dal 5 al 27 agosto, una foto del libro scelto sul proprio profilo Instagram, corredata da una citazione del testo e dagli hashtag #30libridamare #MiurSocial e #IgersItalia.

Le foto più belle e accompagnate dai messaggi più significativi saranno pubblicate a fine agosto sui profili social del Miur.

#Italiabiancoenero: il challenge di IgersItalia in vista della V Assemblea Nazionale

“L’arte degli italiani sta nella bellezza.”  diceva Kahlil Gibran. E del resto, come contraddirlo? L’Italia è un Paese in cui si respira arte perché è fatta di pura bellezza. Bellezza nei monumenti storici, nella veloce vita delle grandi metropoli ma anche del lento scorrere del tempo nei piccoli borghi, nella purezza di luoghi fatti di natura incontaminata, nei gesti, nelle parole, nei sorrisi degli italiani. Insomma, il nostro è il Bel Paese di nome e di fatto!

Da anni noi di IgersItalia lavoriamo per questo: per mostrarvi gli angoli più belli, famosi o sconosciuti, di tutta Italia, per raccontarvi le bontà della tavola e dei suoi sapori così diversi a seconda della Regione in cui ci si trovi, per raccontarvi i gesti, le tradizioni, il volto degli italiani che la rendono così meravigliosamente bella. Ci avete mostrato le vostre tavole, i panni stesi al sole, le piazze più belle d’Italia e le meraviglie più incredibili di madre natura: ci avete raccontato l’Italia come solo gli Instagramers sanno fare.

E adesso vi mettiamo in mostra! In occasione della V Assemblea Nazionale IgersItalia dal tema “Bianco e nero” abbiamo deciso di lanciare questo challenge ufficiale che si concluderà con una mostra nella bellissima Sicilia: il tema sarà proprio il bianco e il nero. Raccontaci l’Italia in bianco e nero (possono partecipare anche foto vecchie) usando l’hashtag #italiabiancoenero: le più belle foto verranno stampate grazie al nostro partner Rikorda e saranno esposte durante l’Assemblea Nazionale in Sicilia, dal 29 settembre all’1 ottobre 2017. Hai tempo da oggi fino al 4 settembre!

Come filtrare i commenti indesiderati ai post di Instagram

Come accade per le pagine Facebook, anche su Instagram è possibile filtrare i commenti o secondo una serie di parole chiave predefinite scelte da Instagram stesse, o attraverso una serie di parole chiave impostate da noi. Opzione particolarmente utile per quei Paesi (come l’Italia ad esempio) per i quali il preset di parole chiave scelte da Instagram non è (ancora attivo).

Come si attiva?

Da all’app

Accedi al tuo profilo e vai nelle impostazioni (la “rotellina” se hai un iPhone i “tre puntini” se hai Android).

Scorri verso il basso fino alla voce “commenti” e fai tap.

Attiva l’interruttore per impostare il filtro con le parole scelte da Instagram o inserisci il tuo elenco di parole che vuoi bloccare.

Da web

È possibile impostare il filtro anche da web. Questo è il link diretto alla funzionalità https://www.instagram.com/accounts/comment_filter/

Tre cose da tenere a mente

Le parole chiave predefinite non sono ancora disponibili per tutte le lingue

Le parole chiave personalizzate funzionano solo se la lingua contempla gli spazi tra una parola e l’altra

L’attivazione o disattivazione dei filtri è retroattiva: attivando il filtro saranno bloccati anche i commenti inseriti in precedenza disattivandolo i commenti bloccati riappariranno.

Viaggia, scatta e racconta i borghi d’Italia con #viaggiareperborghi

Siete pronti a #viaggiareperborghi insieme a @igersitalia? Vogliamo coinvolgervi nel racconto dell’Italia dei piccoli paesi, ricchi di testimonianze del passato e ancora custodi di storia, tradizioni e identità. Luoghi unici, alcuni ancora poco conosciuti e lontani dai percorsi turistici convenzionali. Luoghi del turismo lento, dell’autenticità, della qualità della vita.

Vogliamo coinvolgervi in un’iniziativa avviata nei primi mesi del 2017 dichiarato dal MIBACT “Anno dei Borghi”: il progetto “Borghi Viaggio Italiano” nasce con l’intento di valorizzare i borghi dall’entroterra alla costa attraverso 4 percorsi: Borghi d’Italia, Borghi Storici Marinari, Terre Malatestiane e del Montefeltro, Località dei Paesaggi d’Autore.

Scopriamoli insieme questi luoghi simbolo della tradizione italiana e di uno stile di vita unico, capaci di regalare esperienze ed emozioni da vivere e fotografare. Partecipate al challenge #viaggiareperborghi dal 27 luglio al 3 settembre, con foto vostre anche già presenti nella gallery: paesaggi, vicoli, monumenti, botteghe artigiane, prodotti tipici ecc. Aggiungete l’hashtag ufficiale del progetto #BorghiViaggioItaliano e #Igersitalia, indicate il nome del luogo e possibilmente qualche informazione o consiglio sul perché visitarlo.

Gli autori delle tre foto più belle e rappresentative, scelte a insindacabile giudizio di una giuria, avranno l’opportunità di prender parte a un Igers Tour in alcuni dei borghi del Bel Paese. Un’ulteriore selezione di foto darà vita a un ‘instant book’ con i credits agli autori. L’iniziativa, realizzata nell’ambito dei progetti interregionali di sviluppo turistico DPR 158/07 è promossa da 18 Regioni con capofila la Regione Emilia-Romagna, in collaborazione con il MIBACT.

Come nasce un instameet di successo: il racconto dell’instameetparma22

Ce lo chiedono spesso: come si organizza un instameet? Abbiamo quindi deciso di raccontarvene uno, rappresentativo dell’attività di tutte le nostre community, per parlarvi del lavoro organizzativo, logistico, diplomatico, che coinvolge i nostri local manager nella loro attività quotidiana.

Monica Moretti (@monimorettis) e Davide Morante (@morantedavide, local manager di @IgersParma, raccontano cosa c’è dietro l’organizzazione di un instameet, quando per esempio sono coinvolte le famiglie nobili della città.

Racconta Monica:

“È bastato vedere il numero apparso sullo smartphone per capire chi mi stava chiamando.

Quando al mio “pronto” è seguito un:

Buongiorno, sono mmmh, sì insomma, sono il Principe Meli Lupi di Soragna

ho capito che la giornata aveva preso la direzione giusta”.

La scelta del luogo

Organizzare un instameet non è semplice. Spesso ci si scontra con la vecchia quanto assurda abitudine, purtroppo ancora molto di moda, di concedere visite purché non vengano scattate fotografie. Cosa è un instameet senza le immagini? È una visita guidata a qualcosa che spesso abbiamo già visto e che, pur con tanta buona volontà della guida, non ha nulla di nuovo da mostrarci.

È esattamente a questo punto che comincia il nostro compito, difficoltoso e pieno di ostacoli. Siamo noi local manager che dobbiamo convincere lo “scettico” di turno che Igersitalia e tutte le community regionali e provinciali sono un’associazione seria, che non siamo vandali ignoranti e che avremo il massimo rispetto di ciò che andremo a vedere anche se verranno scattate fotografie con tecniche e punti di vista diversi dal solito, ma non per questo meno belli.

Ma torniamo al Principe, che giusto per farvi capire con chi avevo a che fare, è l’uomo vivente in possesso del maggior numero di onorificenze al mondo; la sua discendenza infatti gli garantisce, oltre al titolo di Principe Diofebo VI Meli Lupi di Soragna, i titoli di Marchese, Conte Palatino, Grande di Spagna, Principe del Sacro Romano Impero, Presidente dell’Ordine Costantiniano di San Giorgio (solo per citarne alcuni).

Ma vi spiego meglio: il Principe è un distinto signore di una certa età che vive in una dimora dall’aspetto esteriore austero ma che racchiude al suo interno ricchezze inestimabili, una sequenza di ambienti in cui spiccano il pregio degli arredamenti e lo sfarzo degli intagli rivestiti d’oro zecchino, un esempio originale del Barocco trionfante nell’ultimo ‘600, perfettamente conservato senza contaminazioni da altri stili o epoche.  Per evidenti questioni di sicurezza, il Principe preferisce che all’interno della dimora non si facciano foto ma, complici le mie doti di oratrice, riesco a stordirlo a tal punto che mi concede la visita fotografica alla Rocca di Soragna, piccolo paesino nella campagna parmense a pochi chilometri dal Po. Nemmeno il tempo di gioire della mia piccola vittoria che risuona il telefono e il Principe mi chiede nuovamente spiegazioni sull’attività di Igersparma. Al volo capisco che per telefono non otterrò nulla e gli strappo un appuntamento in vista dell’instameet.

L’appuntamento più fantozziano della storia di Igersparma a cui partecipiamo io e Davide Morante.

Avete presente quando nel film fanno vedere quei lunghi tavoloni dove mangiano i nobili e il Re siede a un capo della tavola mentre la Regina siede al capo opposto con 10 metri di tavola in mezzo? Ebbene io e Davide veniamo fatti accomodare su due poltrone in cui si sprofonda fino quasi a terra e il Principe si siede dietro la scrivania a circa 4 metri di distanza. Mentre Davide spiega praticamente urlando al Principe cosa diavolo facciamo noi di Igersparma, mi ritrovo con due musi neri di Labrador a pochi centimetri dal naso; al mio accenno di una carezza mi ritrovo assediata dai due pelosi e giocosi guardiani, tanto che non vedo più nemmeno il Principe, per non parlare del mio compagno di sventure Davide, che ne approfitta per terminare il suo monologo. Usciamo dall’ufficio con la conferma di una visita fotografica alla Rocca, con la possibilità di accedere al parco, solitamente chiuso alle visite e con la certezza della presenza del Principe almeno per i saluti ai partecipanti.

 

Ci spiega Davide:

“Una volta “scelto il posto” e trovato l’accordo con chi il posto lo gestisce (beh… non è carino presentarsi in 20, 30 o 40 persone armati di smartphone senza avvisare) occorre radunare i partecipanti”.

La promozione dell’instameet

I nostri incontri sono aperti a tutti e “non a chiamata”. L’unica “distinzione” che facciamo verso chi ha deciso di associarsi è uno sconto sul prezzo d’ingresso / organizzazione e ci fa piacere affermare che chi ha partecipato a tutti gli instameet di Parma si è ampiamente ripagato la tessera associativa grazie agli sconti ottenuti (potete ancora iscrivervi qui)

La raccolta adesioni avviene attraverso la piattaforma Eventbrite che permette un alto grado di personalizzazione: vanno impostati i vari parametri, preparata la locandina (anzi, le locandine visto ogni piattaforma ha le “sue dimensioni”) preparato il testo (anzi i testi) e quindi “lanciato” l’evento.

Nonostante abbia organizzato 21 instameet (con Soragna 22 e con quello successivo 23), c’è sempre il timore che le persone non “rispondano”: ma questa volta già dalle prime ore abbiamo avuto tanti iscritti fino a raggiungere il numero di 40 partecipanti, 43 contando anche noi tre local manager: oltre a me e Monica, era presente anche Ottavia (@ottaviaanita).

Il giorno dell’evento

Tutto finito? Macché!

Noi local manager siamo in piena attività anche durante l’evento. Solitamente lo schema, ormai consolidato, è questo: a Monica il compito più delicato, ossia la raccolta dei soldi e la distribuzione dei relativi biglietti; io e Ottavia invece ci dedichiamo al racconto della giornata: io pubblico le foto con il profilo della community e Ottavia invece si occupa delle storie, visto che ne fa sempre di bellissime. Tutti e tre comunque abbiamo anche l’importante compito di “guidare il gruppo” permettendo ai partecipanti di far foto senza abusare dell’ospitalità dei padroni di casa.

L’Instameetparma22 ha fatto registrare parecchi record: record di partecipanti per Igersparma (da Reggio Emilia, da Bologna, da Ferrara, persino da Verona), record di foto pubblicate (378 in poco più di due ore) e articoli sui blog.

Terminato l’instameet rimane la stanchezza mista a sollievo per il successo dell’iniziativa, ma non c’è niente di più energico, ciò che ti fa capire di essere sulla strada giusta, come i commenti dei partecipanti:

“mi piace partecipare agli instameet perché mi dà l’opportunità di vedere o rivedere bellissimi luoghi,

per gentile concessione di www.vivisoragna.it

ma soprattutto di poterlo fare in compagnia e in un’atmosfera più rilassata, rispetto a quella che a volte si respira in altre visite guidate…”.

E poco importa se nella foto “ufficiale” io sembro Fantozzi, Ottavia la signorina Rottermeier e Monica Mary Poppins. Anzi… una foto più costruita e con noi perfettamente in posa, mi emozionerebbe sicuramente di meno.

 

Conclude Monica:

“E poi restano momenti indimenticabili che ancora non è possibile instagrammare, come il bellissimo e divertente ricordo del Principe di cui ho voluto rendervi partecipi. Un Principe con il quale io e Davide abbiamo avuto il piacere di chiacchierare per qualche minuto, un vero signore, un po’ all’antica, amante della cultura e del bel canto, verdiano come molti emiliani e profondamente innamorato della sua terra, delle sue tradizioni, tanto da definirsi “poco più di un contadino”. Andatelo a trovare, a visitare la sua Rocca e se non lo troverete in casa, provate al bar del paese dove spesso si rifugia a chiacchierare con i suoi concittadini”.

 

Ecco cosa c’è dietro un instameet: tanto lavoro, tanta passione e tanti ricordi indelebili.

Perché non ci raccontate i vostri nei commenti?

Come nasce un instameet di successo: il racconto dell'instameetparma22 copertina-instameet-22-V1 sdr

Impostare l’autenticazione a due fattori per proteggere il tuo account

L’“Autenticazione a due fattori” è una procedura di sicurezza che Instagram ha predisposto per limitare il furto di account.

Consiste nella richiesta di un codice di sicurezza tramite SMS ogni volta che si accede al profilo da un dispositivo sconosciuto.

Come si attiva? In pochi semplici passaggi.

Accedi al profilo e vai nelle impostazioni. Scorri verso il fondo del menu e fai tap su “Autenticazioni a due fattori”. Attiva facendo swipe sull’interruttore “Richiedi codice di sicurezza”. A questo punto se non lo hai fatto in precedenza, ti verrà chiesto di confermare il tuo numero di telefono. Una volta fatto fai tap su “Avanti”.

Non dovrai far altro che aspettare un sms con il codice e inserirlo non appena ricevuto.

Nel caso non fosse possibile ricevere l’sms, Instagram ha creato una lista di codici di backup che hanno la medesima funzione. Scopri come funzionano.

Come disattivarla?

Ci possono essere vari motivi per disattivare l’opzione, ad esempio si tratta di un account aziendale condiviso, oppure per permettere ad un’applicazione o uno strumento di analisi di accedere al nostro profilo.

Disattivarla è altrettanto semplice.

accedi al profilo e vai nelle Impostazioni. cerca la voce del menu “Autenticazione a due fattori”. fai swipe verso sinistra per disattivare l’interruttore “Richiedi codice di sicurezza”. a questo punto fai tap su Disattiva.

I furti di account sono sempre più frequente e spesso provocati da app di dubbia provenienza: prima di scaricarne qualcuna vedete sempre con attenzione i commenti che le persone hanno lasciato negli app store.

IgersBrianza e IgersBergamo ti portano a Crespi d’Adda per una visita esclusiva

Servizio a cura di: Elisabetta Croce (@igers_brianza)

 

Il giorno 17 settembre 2017 Crespi d’Adda, storico villaggio operaio e patrimonio dell’UNESCO, aprirà le porte delle sue fabbriche a @Igers_Brianza e @IgersBergamo per una visita davvero esclusiva!

In occasione dei Crespi Days e del Festival di Letteratura Industriale ci verrà data la possibilità di esplorare con visita guidata e gratuita il Villaggio Crespi, la centrale idroelettrica e gli stabilimenti della fabbrica che normalmente non sono aperti al pubblico e alle visite guidate, avendo quindi la possibilità di realizzare scatti davvero inediti. Un’occasione imperdibile che ci permetterà di scoprire e fotografare uno dei luoghi più belli del nostro territorio.

L’evento è organizzato in collaborazione con Associazione Crespi d’Adda e Fondazione Percassi.

 

Crespi d’Adda e l’architettura industriale

Sulla riva bergamasca del fiume Adda sorge quello che nell’idea di Cristoforo Benigno Crespi che lo ha voluto e creato a fine Ottocento, era il “Villaggio ideale del lavoro”. Il Villaggio Crespi d’Adda è infatti una vera e propria cittadina completa costruita nei pressi dell’opificio tessile, la filanda di proprietà, per i dipendenti e le loro famiglie. Ai lavoratori venivano messi a disposizione una casa con orto e giardino e tutti i servizi necessari. Nel villaggio potevano abitare solo coloro che lavoravano nella fabbrica.

 

 

Un piccolo mondo perfetto in cui è stata data molta attenzione all’architettura e alle forme, costruito con il contributo di architetti e ingegneri di valore, tra i quali Angelo Colla (1837-1891), Ernesto Pirovano (1866-1934), Gaetano Moretti (1860-1938), Pietro Brunati (1854-1933). All’interno del villaggio si possono osservare diversi stili. Quello predominante è detto neogotico-lombardo.

Lo stabilimento occupa buona parte della zona meridionale del villaggio e presenta una linea architettonica di natura seriale, ai cui tetti a shed corrispondono ampi saloni con strutture portanti in ghisa. L’entrata principale, è detta dei cancelli rossi per via del cancello in ferro battuto di Alessandro Mazzucotelli viene conclusa nel 1925.

Numerose sono le strutture di interesse: la centrale idroelettrica, i palazzotti, le case operaie unifamiliari e bifamiliari, le villette per impiegati e capireparto, i villini dei dirigenti, le abitazioni del medico e del parroco, la scuola, la villa castello, la chiesa, il cimitero e il mausoleo e la centrale Idroelettrica Taccani. Un luogo storico, bellissimo, unico, che dal 1995 è Patrimonio Mondiale dell’Umanità a giusta ragione.

Vale sicuramente la pena visitarlo, per fare un tuffo nel passato. Per maggiori informazioni: http://crespidaddaunesco.org/

 

Visita con IgersBrianza e IgersBergamo Crespi d’Adda

Cosa aspetti? Iscriviti e inserisci subito la data in agenda perché un’occasione così non si ripeterà tanto presto!

Il numero per la partecipazione è limitato ed è obbligatoria l’iscrizione tramite Eventbrite, a questo link http://instameetcrespi.eventbrite.it . Verrà data precedenza ai soci IgersItalia. La visita partirà alle ore 16 del pomeriggio. Maggiori info sul punto di ritrovo verranno date in seguito agli iscritti.

Hashtag ufficiali dell’evento #InstameetCrespi #CrespidAdda #igersbrianza #igersbregamo

 

Credits: Foto Walter Carrera

IgersBrianza e IgersBergamo ti portano a Crespi d’Adda per una visita esclusiva Stabilimento Stabilimento cancelli rossi Crespi_ex-cotonificio-esterni_walter-carrera Crespi_centrale-idroelettrica_walter-carrera Crespi_centrale-idroelettrica_mario-donadoni Crespi case operaie

Estate: alcuni consigli per la privacy e sicurezza digitale su Instagram

Il Garante per la Protezione dei Dati Personali ha pubblicato una serie di consigli e riflessioni su come le normali azioni che potremmo compiere in vacanza possano influire sulla privacy o su quella altrui. Alcuni di essi sono molto simili alle indicazioni che diedi nel post “La privacy su Instagram: 5 consigli per salvaguardarla”, altri invece sono nuovi.

Selfie e foto di gruppo

Non tutti vogliono apparire online o riconosciuti: quando postiamo una foto altre persone sarebbe bene chiedere il permesso alla pubblicazione. Soprattutto quando aggiungiamo il tag. Il mio consiglio è di impostare il controllo automatico dei tag: in questo modo ho sempre sotto controllo le foto in cui sono taggato.

Geolocalizzazione

Credo sia la funzione che più di tutte mette a rischio la privacy: se davvero pubblicate foto “insta” state dicendo al mondo “Ehy sono qui!!!”… quindi, attenzione!

Attenzione all’annuncio vacanze

Lo so. Abbiamo passato 11 mesi in una città di provincia spersa nella pianura o affossata in una valle e non vediamo l’ora di partire che, WOW, faremo un mega viaggio di 30 giorni in un posto meraviglioso…

Questo messaggio, oltre a far schiattare di invidia vostro cugino che invece rimarrà in città a lavorare, dirà anche “Ehy signori ladri, lascio la mia casa vuota per 30 giorni…” con tutte le conseguenze del caso. Se poi nel vostro feed c’è una foto che riprende una scena di Games of Thrones trasmessa sulla vostra tv da mille mila pollici appesa tra un De Chirico e un Van Gogh… beh ecco… insomma riflettiamoci un attimo.

Computer pubblici

Instagram è un’app mobile e difficilmente ci si scambia lo smartphone con uno sconosciuto, ma può capitare di voler scorrere il nostro feed dal computer dell’albergo: se dovesse capitare diciamo “NO” al salvataggio automatico della password all’interno di un browser di un pc pubblico e quando terminiamo a consultazione facciamo il logoff (esci).

App pericolose: attenzione al vostro profilo

Può capitare di voler applicare un particolare effetto alle nostro foto, di voler finalmente testare un bot che ci aiuti a mantenere un contatto con i nostri follower o di farcene di nuovi e visto che son “per giocare” scegliamo quelle gratuite piuttosto che quelle a pagamento.

Sappiate che quando un prodotto è gratis, il prodotto sei tu: in moltissimi casi la vostra password. Quindi:

Non scaricate app dagli sconosciuti: fatelo solo dagli store ufficiali.

Fate molta attenzione allaprocedure di collegamento del profilo che sono di due tipi.

comunicazione DIRETTA della password o comunicazione a Instagram di far accedere l’app in questione al vostro profilo e fare alcune azioni SENZA comunicarle la password.

Controllate con attenzione quale azione possono compiere queste app nel momento in cui date loro l’accesso.

Di tanto in tanto fate un salto qua: https://www.instagram.com/accounts/manage_access/ e revocate l’accesso alle app che non usate più.

Impostate l’autenticazione a due fattori.

Wifi pubblici

Le connessioni offerte da bar, ristoranti, stabilimenti balneari e hotel potrebbero non essere sufficientemente protette e mettere pc, smartphone e tablet a rischio di intrusioni esterne da parte di malintenzionati a caccia di dati personali.

Finché potete, usate i vostri giga: per l’estate tanti operatori stanno facendo numerose offerte. Sperate solo di avere campo.

Codice e procedure di blocco dello smartphone

Non dimenticatevi di impostare un codice blocco del telefono cosicché nessuno lo possa usare senza autorizzazione. Per essere pronti in caso di furto o smarrimento, informatevi sulle procedure di blocco sia della SIM sia del device: sia Apple sia Google hanno predisposto una procedura per controllare il dispositivo da web.

Buone vacanze e “bellissime foto” a tutti… e se vi viene qualche altro consiglio per partire sicuri, ditemelo nei commenti

Amazon Spark: Amazon diventa social e “copia” le stories

In America Amazon ha lanciato una nuova funzione per gli abbonati al servizio Prime ossia Amazon Spark.

Cos’è Amazon Spark?

È un feed fotografico molto simile alle Stories del nostro amato Instagram in cui gli abbonati prime possono pubblicare foto di prodotti acquistati attraverso il più grande shop online del mondo.

Le foto saranno catalogate per categoria di prodotto e al momento dell’iscrizione potremo scegliere quale seguire. Ai non abbonati sarà solo consentito “lurkare” ossia solo vedere le foto… e cliccare sui link allegati: ogni foto, infatti, avrà un link al prodotto. In pochi tap potremo visionare l’articolo e acquistarlo: un bel modo di fare leva sull’acquisto d’impulso.

Perché questa mossa di Amazon?

Oltre al motivo principe ossia quello di vendere di più, credo che Amazon abbia avuto questa idea per molti motivi.

In primis per il successo delle Stories (su Instagram 250 milioni di utenti le usano ogni giorno).

In seconda battuta per riappropriarsi di contenuti: le foto taggate #Amazon su Instagram sono oltre 3 milioni. Ciascuno con una descrizione (e probabilmente un “giudizio”), qualche commento e tanti like: Big Data che farebbero molto comodo al gigante mondiale dell’e-commerce.

Offre inoltre un modo veloce per visionare tanti prodotti e acquistarli velocemente; le foto avranno infatti un link al prodotto: un modo per “sfruttare” l’”acquisto d’impulso”

Noi utenti d’altronde potremmo giovarcene: soprattutto quando per necessità di trovare un’idea regalo o per soddisfare la nostra smania di shopping compulsivo, siamo a corto d’idee.

Vedremo nei prossimi mesi come evolverà: il nostro conto corrente è sempre più a rischio.

#IoSonoIndiegeno – Il challenge “musicale” di IgersMessina

Servizio a cura di: Dario Cortimiglia (@igers_messina)

 

Tra le spiagge del golfo di Patti e il Teatro Greco di Tindari, dal 4 al 10 agosto si svolgerà la quarta edizione di Indiegeno Fest, la manifestazione che attraverso la musica punta a valorizzare il territorio messinese.

A Indiegeno Fest è possibile lasciarsi catturare dal cielo stellato che avvolge il Teatro Greco di Tindari attraverso la musica, fare un’escursione lungo uno dei sentieri di Coda di Volpe e poi perdersi nel silenzio dei Laghetti di Marinello dove si può ascoltare un concerto acustico sulla spiaggia, ballare fino a notte fonda nel borgo del centro storico di Patti dopo aver degustato vini e delizie siciliane e ancora trascorrere una giornata sulla spiaggia delle Grotte di Mongiove (luogo incantevole ai piedi del promontorio di Tindari).

Se volete vivere un Festival da protagonisti, partecipate dal 10 al 31 luglio al challenge #iosonoindiegeno: raccontateci attraverso una foto le “emozioni musicali” che un luogo riesce a infondervi, immortalate la musica e le sensazioni che riesce a trasmettervi, oppure l’impegno e la passione di chi lavora con la musica.

Potete partecipare con foto nuove o già presenti nella vostra gallery di Instagram.

Gli hashtag da utilizzare sono: #igersmessina, #iosonoindiegeno e #indiegenofest2017.

All’autore della migliore fotografia 2 pass photo per una delle due serate del Festival al Teatro Greco di Tindari.

Maggiori info su Indiegeno Fest qui.

Il David nelle cave di Carrara è opera di Kobra

Torniamo a parlare di uno degli street artist più famosi del pianeta, che di recente ha omaggiato l’Italia e l’Arte con uno dei suoi capolavori.

La sua cifra stilistica è riconoscibile al primo colpo: i suoi rombi colorati modellati perfettamente a creare figure e storie sono presenti davvero in tutto il mondo.

Grande disegnatore e ritrattista brasiliano, Eduardo Kobra è uno street artist sensibile e solare. Sul profilo Instagram @kobrastreetart il suo volto allo scoperto alterna i murales e da un anno anche le (felici) foto con la compagna e il suo piccolo Pedrinho, un segno insomma del riconoscimento ufficiale di questa forma d’arte che non si nasconde più, anzi è sempre più ricercata.

Ormai, anche le istituzioni e le realtà locali hanno capito la forza travolgente della street art e sempre più viene impiegata in progetti per la promozione del territorio.

Eduardo Kobra ha realizzato in 4 giorni un incredibile murale in Toscana, nelle cave di marmo di Carrara, alto 10 metri. Raffigura il David di Michelangelo, un soggetto non scelto a caso, è infatti un omaggio al grande genio e un ritorno ideale all’origine di tutto, il marmo, appunto, rappresentato da alcuni dettagli lasciati in colore grigio. 

“Eduardo Kobra è esausto, ha terminato l’enorme murale sulla cava di Gualtiero Corsi da poche ore, non si presenta in conferenza stampa, ma manda un audio messaggio via whatsapp in cui esalta il nostro territorio e ringrazia tutti per l’accoglienza e l’organizzazione che ha portato alla realizzazione del David di Michelangelo sulla parete di marmo.” (da Il Tirreno)

L’opera e il suo making of saranno protagonisti di “Muro” serie tv realizzata per Sky Arte HD e curata da David Diavù Vecchiato, una conoscenza molto attiva in Italia nel campo dell’arte contemporanea, direttore artistico di MURo (Museo di Urban Art di Roma) fautore ad esempio anche del GRAArt.

Inaugurata a maggio, sarà presto valorizzata all’interno di percorsi di visita creati appositamente per vedere questo spettacolo nello spettacolo.

Potrete giudicarlo voi stessi.

detalhes do Mural em Carrara / Massa , Italy

Un post condiviso da Eduardo Kobra (@kobrastreetart) in data: 23 Mag 2017 alle ore 08:33 PDT

Alla scoperta del Gran Paradiso con Igers_Piemonte

Servizio a cura di Emanuele Zola (@igers_piemonte)

Quale modo migliore per salutarsi prima delle vacanze?

Igers_Piemonte ha fatto le cose in grande e grazie alla collaborazione con @granparadisopark e @cavourese e @turismotorino abbiamo organizzato per voi #InstawalkGranParadiso, un’escursione alla scoperta delle bellezze del Parco del Gran Paradiso programmata per il 22 luglio.

Non abbiate timore: le guide del Parco ci accompagneranno lungo il percorso, semplice e poco impegnativo per raggiungere l’ampio pianoro dell’incredibile conca ai piedi delle creste rocciose del Rancio. Lungo il percorso incontreremo un bosco di latifoglie mescolato a conifere che lasceranno poi la strada a bellissimi esemplari di abete rosso e larici fino a Barmaion. Oltre l’alpeggio, incontreremo la prateria alpina innevata, su cui sarà facile avvistare tranquilli camosci al pascolo.

Programma della giornata 8.45 appuntamento a Porta Susa e partenza con autobus riservato Cavourese 11.00 arrivo a Valprato Soana e incontro con le 2 guide del Parco 11-11.45 visita del borgo Valprato e del centro “L’uomo e i coltivi”, percorso di visita museale che ripercorre la storia dell’agricoltura e mette in rilievo il ruolo dell’uomo nel suo rapporto con l’ambiente naturale 12.00 partenza dell’escursione al Pian dell’Azaria con tappe lungo il percorso per pranzo al sacco e fotografie 16.30-17 rientro a Valprato e partenza verso Torino

La partecipazione è gratuita, con registrazione obbligatoria. I posti disponibili sono 50. Vi ringraziamo per effettuare eventuali cancellazioni entro martedì 18 luglio.

Ricordate di portare con voi: pranzo al sacco, acqua, crema solare, scarpe adatte all’escursione e macchina fotografica carica.

I tag dell’evento: #InstawalkGranParadiso #igerspiemonte #pngp #vallefantastica #cavougrese

Game of Thrones: i profili Instagram ufficiali dei protagonisti

Abbiamo aspettato a lungo la nuova stagione di Games of Thrones e finalmente stasera andrà in onda la prima puntata della settima stagione.

Se intanto volete qualche piccola anteprima, ecco alcuni profili dei protagonisti di una delle più belle serie tv degli ultimi tempi. Siamo abituati a vederli nella cupa ambientazione di Westeros mentre interpretano personaggi per forza di cose feroci… devo ammettere che fa un po’ specie scoprirli nella vita di tutti i giorni.

Ma andiamo con ordine.

Game of Thrones

È il profilo ufficiale della serie tv: divertentissime le foto con le action fugure della Funko!

@gameofthrones

Alfie Allen – Theon Greyjoy

Alfie Allen è l’attore che interpreta Theon Greyjoy… uno che nella serie ne ha fatto (e subite, a dir a verità) di cotte e di crude: Alfie è naturalmente una bravissimo e allegro ragazzo come tanti.

@alfieeallen

Gemma Whelan – Yara Greyjoy

Yara Greyjoiy è la sorella di Theon, quella che cerca di succedere al padre al comando degli “uomini di ferro”. Il motto della sua casata è “Noi non seminiamo” (ad indicare la natura di grandi navigatori), ma a Gemma invece piace davvero un sacco.

@gemwhelan

Iwan Rehon – Ramsey Bolton

Ramsey Bolton è forse il personaggio di Game of Thrones, più cattivo, crudele e feroce dell’intera saga. L’attore che lo interpreta invece è un bravissimo ragazzo anche lui impegnato in tante cause sociali. Oltre che alla recitazione, è un appassionato di musica (ha inciso un album), ma anche un bravissimo fotografo: sul suo profilo ci sono paesaggi mozzafiato!

@_iwanrheon

Nathalie Emmanuel – Missandey

Nathalie Emmanuel è la bellissima Missandey, la favorita di Daenery Targaryen. Sul suo profilo, però c’è poco Game of Thrones: solo un selfie con il gigante Tormund.

@nathalieemmanuel

Richard Madden – Robb Stark

Pochissimo “Got” (anzi, nulla) anche nel profilo Instagram di Richard Madden, che ha interpretato Robb Stark, il re del Nord ucciso in uno dei momenti più epici della saga: le “nozze rosse”.

@maddenrichard

Sophie Turner – Sansa Stark

Anche Sophie Turner, che noi conosciamo come Sansa Stark, è molto attiva su Instagram: ha un profilo verificato e ben 5 milioni di follower!

@sophiet

Arya Stark – Maisie Williams

Lei è Maisie Williams, che nella serie interpreta Arya Stark, ragazzina appena adolescente, ma già assetata di vendetta: l’ultimo ricordo che abbiamo di lei è quando serve a lord Walder una pietanza molto particolare.

Nella vita vera è una dolcissima attrice molto impegnata per la causa animalista.

@maisie_williams

Isaac Heampstead Wright – Bran Stark

Bran Stark è uno dei personaggi chiave sin dalla prima puntata e nella sesta stagione protagonista di una commovente scena tra “presente e passato” in cui scompare il gigante buono Hodor.

@isaachwright

La didascalia che accompagna questa foto è bellissima: Hodor might be gone, but @kristiannairn ain’t getting away from me that easy… #HOLDTHEDOOR

Kristian Nairn – Hodor

Tantissimo Game of Thrones nel profilo di Kristian Nairn, colui che fino alla 6 stagione ha interpretato Hodor: è un famoso dj e ha lanciato il tour “rave of thrones” e il quello “game of tomes”. Tantissimi selfie anche con i personaggi della serie.

@kristiannairn

Kristofer Hivju – Tormund Giantsbane

Tormund è un altro “gigante” che abbiamo scoperto nelle ultime due stagioni di Got. In questa foto è con la giovanissima Bella Ramsey.

@khivju

Bella Ramsey – Lyanna Mormont

La piccola Bella Ramsey interpreta Lyanna Mormont: è la giovanissima reggente dell’Isola degli Orsi e mostra un carattere che molti re più grandi di lei si sognano. In rete gira questo meraviglioso meme.

È stato uno dei nuovi personaggi che mi è piaciuto di più e da cui mi aspetto grandi cose anche nella settima stagione: questa foto, postata sul profilo di Bella, conferma infatti la sua presenza anche nella stagione che inizia oggi (è Ditocorto quello sullo sfondo?).

Al momento il profilo è tenuto dal suo agente: in fondo Instagram è vietato agli under 13.

@bellaramsey

Daniel Portman – Podrick Payne

Podrick Payne è il giovane scudiero di Tyron Lannister prima e de Brienne poi. L’attore che lo interpreta è uno scanzonato ragazzo scozzese decisamente meno timido giovane Podrick.

@danportman

Hafþór Júlíus Björnsson – Gregor Clegane “la montagna”

È un ex giocatore di pallacanestro, l’attore che interpreta “la Montagna” nelle ultime stagioni (il ruolo è stato ricoperto da altri due attori all’inizio). È un ragazzo islandese (ecco il perché del nome impronunciabile) che giocò fino a raggiungere la nazionale per poi dedicarsi alla palestra: ha messo su una montagna (appunto) di muscoli che gli hanno fatto vincere più volte il titolo di “Uomo più forte d’Europa”

@thorbjornsson

Pedro Pascal – Oberyn Martell, la vipera rossa

Il suo personaggio era ad un passo dal cambiare la trama di tutta la saga: stava per uccidere La Montagna nel duello per stabilire la colpevolezza o meno di Tyron Lannister. Quel combattimento è un altro momento epico di GoT.

@pascalispunk

Carice van Houten – Melisandre

Carice Van Houten è la bellissima attrice che in GoT interpreta la strega Melisandre. Sul suo instagram troverete più vestitini per il suo bimbo che immagini della… “strega”.

@leavecaricealone

Nikolaj Coster-Waldau – Jamie Lannister

È l’attore che interpreta Jamie Lannister, personaggio di non facile interpretazione: nel primo episodio della prima serie non esita a gettare giù da una torre un ragazzino, durante il corso della saga non esita a salvare Brienne da stupro certo e far evadere il fratello Tyron.

@nikolajwilliamcw

Poche foto, ma questa vale da sola il follow: l’ha condivisa con la didascalia “A prize for the best caption”

Jason Momoa – Khal Drogo

È un altro “gigante” di Game of Thrones: peccato che il personaggio sia morto, ci avrebbe regalato senz’altro momenti interessanti (come quando incorona il fratello della sua sposa, con un corona d’oro fuso…).

@prideofgypsies

Tom Wlaschiha – Jaqen H’ghar

Jaqen H’ghar è un personaggio meraviglioso. Arya Stark lo incontra durante la sua fuga, gli salva la vita e da allora ne rimane profondamente legata: Jaqen, infatti, prima le salva la vita a sua volta in ben tre occasioni e poi la indirizza a Braavos e lì la inizia al culto del Dio dei Mille volti.

Chissà se tornerà anche nella settima…

@tomwlaschiha

Joe Dempsie – Gendry Waters

Manca nel cast della serie dalla terza stagione, era stato avvistato in Irlanda (dove si stava girando la settima) e la foto che ha pubblicato due giorni fa conferma che lo rivedremo. Quello di Joe Dempsey è un ritorno interessante: il suo personaggio è un figlio illegittimo di Robert Baratheon, ha dunque qualche titolo per pretendere il trono di spade…

@josephdempsie

Dean Charles Champan – Tommen Baratheon

Sicuramente non vedremo più Dean Chapman: il suo personaggio, Tommen, non ha retto al gioco di potere tra la moglie e la madre.

@deancchapman

Lena Headey – Cersei Lannister

La regina Cersei è una delle protagoniste assolute di Game of Thrones. Lena ha un profilo privato e dopo oltre una settimana non mi ha ancora accettato come follower… magari voi siete più fortunati

@iamlenaheadey

Emilia Clarke – Danaerys Targaryen

E dulcis in fundo ecco il profilo di Emilia Clarke, l’attrice che interpreta Danaerys Targaryen, prima del suo nome, regina di Meereen, regina degli Andali, dei Rhoynar e dei Primi Uomini, signora dei Sette Regni, protettrice del Regno, khaleessie del Grande Mare d’Erba, detta “Nata dalla tempesta”, “la Non-bruciata”, “Madre dei Draghi”.

L’abbiamo lasciata che naviga con una flotta immensa accompagnata dai suoi draghi finalmente verso i sette regni…

Ha un profilo da 9,7 milioni di fan…

@emilia_clarke

Grande assente uno: Peter Dinklage – Tyrion Lannister

È uno dei personaggi più belli del libro ed è interpretato alla grande da Peter Dinklage. Peccato ci avrebe regalato grandi cose anche qui su Instagram.

Grande assente due: Kit Arrington – Jon Snow

Anche lui non è ufficialmente presente su Instagram: gli account aperti sono creati dai fan.

Credo che in tante lo aspettino con ansia

 

 

 

 

 

 

Game of Thrones: i profili Instagram ufficiali dei protagonisti games-of-thrones-15 games-of-thrones-23 games-of-thrones-22 games-of-thrones-21 games-of-thrones-20 games-of-thrones-19 games-of-thrones-18 games-of-thrones-16 games-of-thrones-17 games-of-thrones-14 games-of-thrones-13 games-of-thrones-11 games-of-thrones-12 games-of-thrones-10 games-of-thrones-2 games-of-thrones-3 games-of-thrones-9 games-of-thrones-8 games-of-thrones-7 games-of-thrones-5 games-of-thrones-4 games-of-thrones-24

#CavataExperience: avventure lungo il fiume con Igerslatina!

Servizio a cura di Francesco Montefusco (@igerslatina)

 

Attraversare in canoa un fiume alimentato da sorgenti d’acqua purissima, che fino alla metà del ‘900 venne considerata un’importante via fluviale per poi essere abbandonata, restando così incontaminato come la natura che lo circonda. Si tratta del Fiume Cavata che sorge ai piedi dei Monti Lepini, nella zona di Sermoneta – in provincia di Latina – proprio a due passi dai Giardini di Ninfa.

Dopo aver percorso placidamente i km che lo separano da Foro Appio, a Borgo Faiti, si getta in uno dei canali della bonifica dell’Agro Pontino, il canale Linea-Pio VI che costeggia la via Appia fino a Terracina.

 

Lungo il corso del Cavata è possibile godere di innumerevoli meraviglie: dai paesaggi naturali alle testimonianze medioevali, come la “Macchina dell’acqua” costruita intorno al 1.500 sulla base di un progetto attribuito a Leonardo da Vinci (la cui presenza a Sermoneta è ipotizzata da alcune fonti storiche tra il 1514 e il 1516) e rimasta sepolta sotto la vegetazione per secoli fino al suo recentissimo recupero. Protagonista, dunque, del rilancio ambientale in fase di avvio grazie al primo “contratto di fiume” della Regione Lazio sottoscritto proprio in questi giorni da moltissimi player locali, il Fiume Cavata, è oggetto del desiderio fotografico degli Igers Pontini e non. Ecco dunque che non poteva mancare un Instameet in canoa targato IgersLatina! In questa nuova ed emozionante avventura partiremo in canoa, insieme agli amici dell’Associazione Culturale Cavata Flumen, dalla sorgente dell’Acqua Turchina a Monticchio, alle origini del Fiume sotto il magnifico paesaggio del borgo medievale di Sermoneta, passando attraverso un paesaggio selvaggio, incontaminato, unico per integrità e qualità delle acque. Esploreremo a piedi alcuni dei tratti più suggestivi, tra natura lussureggiante e sorgenti naturali e potremo osservare la fauna locale: folaghe, alzavole, aironi bianchi, germani reali e i maestosi aironi cinerini, nascosti tra gelsi, rovi di more e canneti. Durante il break alle 13.00 avremo modo, come di consueto, di assaporare le eccellenze pontine offerte dall’Azienda agricola Il Murillo. Ma soprattutto trascorreremo di nuovo una giornata insieme, e questa è la cosa che ci emoziona di più.

Alcune informazioni di servizio: – Data la particolare modalità di svolgimento dell’escursione, il numero di partecipanti è limitato dal numero di imbarcazioni disponibili.

– Durante le attività in acqua si raccomanda la massima attenzione ai vostri smartphone e alla vostra attrezzatura fotografica. L’organizzazione non sarà responsabile in ogni caso per danni a persone e cose. – Nel punto indicato per l’appuntamento è presente un parcheggio sufficientemente ampio. – Si consiglia abbigliamento sportivo e scarpe da trekking. Da tenere sempre nello zaino un impermeabile per qualsiasi evenienza. – L’evento è valido per la partecipazione al GRAN PREMIO PONTINO PER LA FOTOGRAFIA.

 

Vi aspettiamo sabato 15 luglio 2017, in Via Romana Vecchia, 04013 Sermoneta (LT) per un’esperienza green sul Fiume Cavata! L’evento è aperto a tutti fino a esaurimento biglietti disponibili su Eventbrite. Hashtag ufficiali dell’evento: #CavataExperience #VacanzePontine #igerslatina Hashtag Consigliati: #igerslazio #igersitalia

 

 

Pagine