Con cosa scattare da iPhone? Provate Pro Camera 7

Il passaggio dallo Splash alla Camera in Pro Camera 7
Il passaggio dallo Splash alla Camera in Pro Camera 7
Il passaggio dallo Splash alla Camera in Pro Camera 7
Screenshot: il passaggio dallo Splash alla Camera in Pro Camera 7

Ogni iphoneographer ha cercato un’alternativa all’app Camera Stock almeno una volta nella sua carriera. Una delle alternative più interessanti è sicuramente rappresentata da Pro Camera 7.

Provando questa app per la prima volta, in occasione della scrittura di questo articolo, ho trovato diversi spunti interessanti, primo fra tutti l’ottima qualità degli scatti in condizioni di scarsa illuminazione.

Ma andiamo con ordine, cominciando dal perché si è portati a scegliere un’applicazione diversa da quella di Stock per scattare le foto.

Innanzitutto, la possibilità di separare la messa a fuoco e l’esposizione. Non si tratta di una caratteristica banale, che purtroppo manca nella camera app di default. Avere la possibilità di decidere la posizione dell’esposizione permette davvero un salto di qualità, anche dal punto di vista artistico.

Sono presenti opzioni per attivare le griglie, lo scatto rapido (rapid fire) e l’orizzonte artificiale (uno strumento molto utile per capire se stiamo tenendo lo smartphone diritto. Inoltre è possibile scegliere il formato della foto direttamente in questa fase, piuttosto che tagliare la foto in fase di post produzione.

Per i più patiti di informazioni tecniche, è possibile visualizzare live le informazioni sull’istogramma, sulla ISO e sul tempo di scatto necessari nelle attuali condizioni di luce. Infine c’è la possibilità di attivare strumenti come l’anti-shake, che conferisce maggiore stabilità durante gli scatti e che diventa particolarmente utile in condizioni di luminosità scarsa, dove il pericolo di scattare foto mosse è più probabile.

Come si diceva prima, la caratteristica per cui Pro Camera è conosciuto riguarda sicuramente la qualità delle foto in notturna o con poca luce. Si nota infatti una qualità migliore in questo tipo di scatti, con una leggera, ma percecipibile, diminuzione del rumore. La modalità notturna è quindi comoda per migliorare scatti con lo smartphone e se anche, per i limiti del mezzo, non sono minimamente comparabili agli scatti di una reflex, si tratta comunque di un piccolo guadagno.

Gli scatti possono essere salvati sia sul camera roll che all’interno dell’app. Infatti è possibile editare gli scatti da questa applicazione, attraverso i miglioramenti comuni, come esposizione o contrasto, oppure usando una serie di filtri, di cui alcuni acquistabili separatamente.
Infine, è possibile salvare l’immagine finale e condividerla su Instagram.

Il mio giudizio finale su Pro Camera 7 è sicuramente positivo, malgrado non sia disponibile una funzione HDR, di cui peraltro non si sente la mancanza, almeno in my opinion.

Pro Camera 7 è disponibile per dispositivi che montano il sistema operativo iOs ed è ottimizzato per iPhone 5.

Tagged:
About the Author

È una Iger della prima ora che si diverte a fare foto di porte, finestre, biciclette, e di Milano, che trova splendida nella sua severa austerità. Con @polylm ha due particolari "marchi di fabbrica": il tag #chimpsin e il fatto di postare sempre ed esclusivamente in sincrono.

2 comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *