Caravaggio, Tiepolo, Tintoretto e Bronzino, capolavori che si incontrano a Prato

Servizio a cura di Daniela Bini e Francesco Rosati (@igersprato)

Caravaggio, Tiepolo, Tintoretto e Bronzino sono solo alcuni degli autori delle 86 opere esposte alla mostra “Capolavori che si incontrano”, inagurata domenica 5 ottobre presso Palazzo Pretorio di Prato.

Suddivisa in quattro sezioni: “Imago Magistra”, “L’immagine ideale”, “Il volto dell’idea” e “La bella Natura”, la mostra è un ampio panorama di temi sacri e profani dell’arte toscana e veneta tra il ‘400 e il ‘700.

Una rassegna di opere provenienti dalla collezione della Banca Popolare di Vicenza, che riesce a porre l’accento sui soggetti delle opere stesse, superando disparità di stili ed epoche, con l’obiettivo di favorire una riflessione sulle costanti della storia dell’arte, attuali nel XIX secolo come nel Rinascimento.

A pochi mesi dalla sua riapertura, il Museo di Palazzo Pretorio ospita una mostra dall’altissimo valore culturale, un evento unico che terminerà il 6 gennaio 2015.

IgersPrato naturalmente è in prima fila nella valorizzazione culturale e territoriale di Prato e per questo motivo Francesco, Marina e Daniela  insieme a Palazzo Pretorio e al Comune di Prato, stanno organizzando un evento speciale per il 15/16 Novembre che coinvolgerà 30 instagramers provenienti da tutta Italia.

“Prato è una città che cela tantissimi tesori, ed è arrivato il momento che mostri al mondo le sue bellezze; l’obiettivo della mostra è superare i 200mila visitatori”. Queste sono le parole con cui hanno inagurato la mostra il sindaco MatteoBiffoni e il Presidente della Banca Popolare di Vicenza Gianni Zonin.

Vi invitiamo dunque a stare sintonizzati sui nostri canali per avere tutti gli aggiornamenti in merito all’evento, che sarà possibile seguire con l’hashtag ufficiale #capolavoriprato e con i tag della community #pretorioprato e #igersprato.

Nel frattempo, potete trovare tutte le info dedicate alla mostra sul sito di Palazzo Pretorio e sui canali social Instagram (@pretorioprato) e Twitter (@palazzopretorio).

 

 

 

Tagged: