Gli Igers latinensi e pontini dicono NO alla violenza sulle donne

Servizio di Francesco Montefusco (@igerslatina)

25 novembre, giornata mondiale contro la violenza sulle donne. La voglia di andare oltre il valore simbolico che questa data porta con sé. Perché, come spesso si dice, ma altrettanto spesso non si fa, il NO a certe assurde vicende che si consumano tra le mura domestiche va detto, da tutti, ogni giorno.

Per celebrare il NO, allora, la Community Instagramers Latina ha scelto di sostenere un’iniziativa con un respiro che andasse oltre la giornata celebrativa, aderendo entusiasticamente al progetto #25novembre portato avanti da 3 anni a questa parte dall’Associazione Turismo Creativo in Partnership con lo Street Art Festival Memorie Urbane.

L’evento quest’anno si è svolto tra il 25 e il 28 novembre in 5 città italiane, 3 delle quali in provincia di Latina e precisamente a Terracina, Gaeta e Fondi. Le città coinvolte oltre i confini provinciali sono state Caserta e Arce. In queste città il talento visionario di Federico Draw, street artist portoghese, ha lasciato il segno con 5 bellissime opere raffiguranti sguardi e volti di donna. Un segno che resta, per l’appunto, ben oltre la giornata del 25 novembre, e che ogni anno viene rinnovato con una nuova opera. Come quella di Alice Pasquini, che nel 2012 con i suoi volti femminili diffusi in maniera virale sulle cabine dell’elettricità ricoprì la città di una solare e colorata indicazione a cambiare rotta, a riflettere sulla violenza e a promuovere una sempre maggiore sensibilità verso il genere femminile, troppo spesso vittima di abusi e soprusi.

In qualità di Media Partner ufficiale, Igerslatina ha seguito l’evento di Terracina contribuendo all’evento con due iniziative:

Reportage fotografico per documentare in tempo reale la realizzazione dell’opera di Draw a Terracina presso la Biblioteca Comunale Olivetti. L’inviato (Instareporter) Amedeo Cerilli, uno dei Community Manager appartenente al gruppo degli Igers Pontini, (su Instagram @ame_ce), ha seguito l’iniziativa fotografandone ogni momento, dalla preparazione dei materiali, ai ritocchi notturni per completare in tempo il lavoro, alla “consegna” ufficiale dell’opera alla città e ai suoi cittadini.

Parallelamente alla realizzazione della “vera opera” sono apparsi, sui canali social della Community, 4 edit fotografici (uno al giorno) realizzati dai Community Manager e raffiguranti volti di donna.

Fieri di aver partecipato a questa manifestazione, gli Igers Pontini  hanno già dato la loro disponibilità a sostenere con il loro contributo “Social-fotografico” altri eventi a sostegno della giustizia e della solidarietà.

Tagged: