Il sogno di una notte tra note e magia di Igers Italia a “Matera cielo stellato. A riveder le stelle”

Una notte d’estate dall’aria frizzantina. Un paesaggio puntellato di stelle, tra cielo e terra. Una voce raffinata e soave ad amplificare la piacevole sensazione di vivere una serata magica. 

Questo è stato “Matera cielo stellato. A riveder le stelle”, l’evento diffuso a cui Igers Italia ha partecipato in qualità di partner della Fondazione Matera Basilicata 2019, insieme alle community locali di Igers Basilicata e Igers Matera e a quelle di Igers Campania, Igers Calabria e Igers Puglia.

Con il suggestivo brillio di oltre cinquecento lumi a led (scelti per il loro basso impatto ambientale) disposti per trasformare il parco della Murgia materana in un cielo stellato, e la voce raffinata di Malika Ayane diffusa dal palco naturale della rupe dell’Idris in tutto il Sasso Caveoso, la notte di San Lorenzo ha reso Matera un infinito universo pulsante di emozioni, segnato dal ritmo dei cuori che hanno partecipato alla magia di quegli istanti. 

Un evento partecipato e molto apprezzato sia dai cittadini permanenti e temporanei presenti, ma anche da chi ha seguito il racconto per immagini e video realizzato live delle nostre community e che è possibile rivivere ripercorrendo i momenti salienti negli highlights a tema sui nostri account. 

“Matera cielo stellato. A riveder le stelle” ha dimostrato ancora una volta come queste occasioni siano momenti molto importanti di condivisione utili per porre l’accento sulla preziosa mission di Igers Italia: unire gli utenti dentro e fuori il mondo virtuale, valorizzando la bellezza del nostro immenso patrimonio materiale e immateriale. 

Organizzato per il secondo anno dalla Fondazione Matera-Basilicata 2019 con il patrocinio del Comune di Matera per sensibilizzare sui temi dell’inquinamento luminoso, della valorizzazione del cielo notturno e del risparmio energetico, “Matera cielo stellato” è un marchio registrato di Francesco Foschino, Saverio Tarasco e Vito Cappuccio, ideatori del progetto sperimentato già nel 2013, nel 2019 e nel 2021, attraverso la riscoperta di un’antica tradizione di cui si trova traccia negli scritti del Cinquecento. 

Lo speciale di TRMtv.it
Tagged: