Instatour #Napoleone200: ecco i numeri

instatour isola d'elba

L’Instatour dedicato a Napoleone Bonaparte che si è svolto tra il 15 e il 18 maggio sull’Isola d’Elba, classificato con il tag #Napoleone200, può adesso considerarsi terminato. L’evento social mediatico dedicato a Instagram che ha tenuto per mesi col fiato sospeso gli abitanti dell’isola toscana ha rispettato tutte le aspettative dell’organizzazione e degli sponsor e i numeri raccolti dell’operazione hanno lasciato sorpresi tutti perché sono andati ben oltre le più rosee aspettative.

Andiamo però per ordine e ripercorriamo rapidamente l’Instatour nelle sue quattro giornate.

DIARIO DI VIAGGIO

Spiaggia da Sergio - Marina di CampoGiovedi 15
I trenta Instagramers italiani e stranieri si sono ritrovati in due gruppi al porto di Piombino per imbarcarsi sulla nave della compagnia Blu Navy che ha traghettato i partecipanti verso Portoferraio. Durante il viaggio i membri della compagnia navale hanno mostrato e spiegato le caratteristiche delle loro navi, che al momento vantano i migliori standard per il trasporto tra il continente e l’isola.
Arrivati a terra sono stati subito accompagnati presso i loro hotel, appartenenti al circuito del portale turistico Marina-di-Campo.com, dove nel pomeriggio hanno potuto godere della spiaggia della nota località turistica.
Il momento più bello della giornata è arrivato poi quando hanno tutti assistito al tramonto sulle mura del Forte Falcone di Portoferraio, dove un’esplosione di colori ha coinvolto i presenti che si sono sbizzarriti pubblicando decine di immagini incredibili.

Acqua dell'Elba - Marciana MarinaVenerdi 16
La mattina ha visto la cittadina di Marciana Marina protagonista con la visita al laboratorio di Acqua dell’Elba, sponsor principale dell’Instatour. Qui i patron del profumo che esprime nella sua delicata fragranza l’essenza dell’isola, hanno raccontato ai presenti la loro storia e fatto partecipare alcuni di loro alla fase di imbottigliamento del profumo speciale che hanno prodotto per celebrare il bicentenario dell’esilio di Napoleone Bonaparte sull’isola principale dell’arcipelago toscano.
Nel pomeriggio un gruppo di Instagramer si è avventurato in una escursione sul promontorio dell’Enfola accompagnato delle guide di Ste Viaggi, mentre gli altri si sono trattenuti a Portoferraio per l’Instagramers Academy dedicata al marketing territoriale e organizzata con la collaborazione di Confesercenti, dove gli operatori turistici dell’isola hanno assistito a una lezione operativa e teorica su come usare Instagram per le loro attività di promozione.

Spiaggia della Biodola - Baia Bianca SuitesSabato 17
È stato il giorno del Worldwide Instameet 9 #WWIM9 dove gli ospiti, assieme ad altri Instagramers venuti per l’occasione, hanno visitato il centro di Marina di Campo, guidati dai rappresentanti del Centro Commerciale Naturale Il Golfo.
Il pomeriggio invece è stato speso all’insegna del relax assoluto nel Golfo della Biodola e più precisamente all’interno del resort Baia Bianca Suites dove per più di tre ore il team ha goduto dei confort offerti dalla direzione, ma soprattutto ha approfittato al massimo della spiaggia e della piscina.
Nell’ultima sera di Instatour i ristoratori di Marina di Campo hanno invitato gli Instagramers nelle loro cucine dove li hanno resi partecipi di uno show cooking realizzato per l’occasione con ricette e prodotti tipici dell’Isola d’Elba.

Villa San MartinoDomenica 18
Ultima attività del tour prima dei saluti finali è stata la visita alla Villa di San Martino, una delle dimore di Napoleone Bonaparte durante il suo esilio elbano, dove i presenti hanno potuto scoprire lo sfarzo e l’ostentazione dell’ex imperatore di Francia durante i suoi trecento giorni di esilio.

 

Vediamo ora in ordine i punti chiave che hanno permesso a questa iniziativa di diventare un caso di successo sia come modello per la promozione turistica di un territorio e delle sue imprese, sia come esempio da seguire nei prossimi tour dedicati a Instagram.

TEAM

La selezione degli Instagramers coinvolti è stata fondamentale per il successo dei contenuti fotografici prodotti e per la loro portata sul network. Aver scelto sia per provenienza geografica, stile fotografico, età anagrafica e tipologia di follower è stata la chiave assoluta per una diffusione trasversale delle immagini. Qui i link per scoprire gli Igers stranieri e italiani presenti.

PIANO EDITORIALE

L’Instatour non è stato solo una quattro giorni di foto e condivisione online, come tante operazioni analoghe, ma è stata una pianificata diffusione quotidiana di contenuti su un blog e sui profili social dell’organizzazione durata tre mesi e chiusa con le informazioni sui luoghi, gli eventi storici e gli sponsor che hanno permesso di realizzare l’operazione. Il tutto con la chiara intenzione di tenere alta l’attenzione del pubblico in rete e scalare i risultati di ricerca sul tema Isola d’Elba e Napoleone Bonaparte, obiettivo perfettamente riuscito.

SPONSOR PRIVATI

Senza gli sponsor che hanno supportato sia nell’assistenza sul posto che finanziariamente tutto lo svolgimento del tour, l’operazione #Napoleone200 non avrebbe chiaramente avuto luogo. La lungimiranza e la preparazione imprenditoriale di questi ha permesso di capire fin da subito la portata e la diffusione di questa nuova forma di comunicazione, che rapportata al costo d’investimento, si è rivelata per loro un vero affare.

METEO

La variabile imprevedibile e incontrolabile di operazioni come questa che nascono con mesi di anticipo è il meteo e l’Instatour #Napoleone200 è stato fortunato perché ha avuto quattro giornate d’estate in piena regola. Anche se l’organizzazione aveva studiato alcuni piani aòlternativi in caso di maltempo, è andato tutto per il meglio come da programma, con giornate serene e temperature perfette.

NUMERI

E finalmente eccoci ai numeri raccolti su Instagram dal 14 al 28 maggio, le due settimane che hanno visto i due momenti fondamentali per la pubblicazione delle immagini dell’Instatour: il tempo reale e il latergram, ovvero la pratica di pubblicare immagini nei giorni successivi dopo una nuova selezione da parte degli autori e l’eventuale editing in base al gusto e allo stile dell’Instagramer protagonista.
L’organizzazione ha coinvolto la società romana IQUII proprietaria del famosissimo sito Followgram per l’analisi analitica e dettagliata di quanto è avvenuto su Instagram ed ecco qui in sintesi i risultati principali che potranno esser letti nei dettagli alla seguente pagina napoleone200.followgram.me

FOTO pubblicate: 1.201
LIKE ricevuti: 301.907
COMMENTI scritti: 10.466
REACH per utenti raggiunti: 14.875.340

Report by Followgram Analytics

Ai numeri di Instagram si aggiungono quelli di Twitter, il social media dei 140 caratteri che senza volerlo ha invaso nel suo piccolo il network coinvolgendo dai primi di aprile a fine maggio un pubblico di mezzo milione di utenti con appena 1.200 tweet.

 Report by Tweetreach.com

L’organizzazione, composta da Antonio Ficai e Ilaria Vangi, sta già studiando e pianificando la prossima edizione, ma la destinazione per ora è top secret.

 

Tagged:
About the Author

Classe ’72, è un informatico prestato alla marketing. Tra i primi italiani ad aver creduto negli anni ’90 nel web come strumento di comunicazione commerciale, ha iniziato a progettare e produrre soluzioni nel campo del web design dal 1996. Focalizzato ormai nel settore del Social Media Marketing, sta ricercando e testando costantemente nuove soluzioni per l’engagement di nuovi utenti per i propri clienti. Si definisce un vero e proprio “mercenario digitale buono”.
Co-fondatore dell’Associazione Igersitalia, dal 2012 coordina le attività degli Instagramers della Toscana, organizzando raduni di appassionati di Instagram finalizzati alla promozione del territorio e workshop formativi sul visual marketing sia per la pubblica amministrazione che per aziende private.

3 comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *