MATERA. Capitale europea della Cultura 2019.

Il prestigioso titolo, arrivato solo pochi mesi fa, ha riconosciuto alla Città dei Sassi (già noto come Patrimonio UNESCO per la presenza del suo nucleo urbano così unico e straordinario) il ruolo di centro nevralgico del nuovo mondo culturale, cosa che ha portato un incremento di iniziative a favore di una valorizzazione paesaggistica e artistica della zona.

Il 9 e 10 maggio la street art è stata protagonista a Matera, dove lo spazio cittadino di via Saragat e via Einaudi è stato valorizzato e riqualificato, grazie alla volontà del Comune di Matera, con la preziosa organizzazione di ARACNEA, il centro culturale ed artistico di Castellaneta (Taranto) e MOMART GALLERY, galleria d’arte contemporanea di Matera, che con questa iniziativa consolidano sodalizi culturali tra Puglia e Basilicata sempre più frequenti. Sono stati invitati 18 street artist provenienti da Puglia e Basilicata, con esperienze nazionali ed europee, che hanno liberato la loro creatività mediante bombolette spray, stencil e stickers, in mezzo ad azioni di yarn bombing dell’associazione culturale “L’Atrio.

Durante i lavori, ph. @aa_carrera

Durante i lavori, ph. @aa_carrera

Gli artisti: Ale Alef, Ania K., Carlitops, Chekos’art, DPC Double Personality Crew (Nista, Devil 69, Russ e Bees), Simor Katù, Frank Lucignolo, Nico Skolp, Nunzio Mancini, Mastereaster, Michele Nocci, Raffaele Paolicelli Ruphus, Parblè Artericiclo, Francesca Pastore elècktrArt, Antonio Poe e Purè.

Ho interpellato quindi l’associazione pugliese per avere alcune considerazioni sull’evento ben riuscito, a giudicare dai lavori e dai risultati, dalla partecipazione e dall’entusiasmo che si percepisce dalle foto scattate durante le creazioni. Risponde Maria Rosaria Nardulli, vicepresidente di Aracnea.

Come avete scelto gli artisti coinvolti in Street Art Matera?

Abbiamo scelto artisti provenienti da Puglia e Basilicata che hanno utilizzato tecniche dello stencil,Street painting, aerografia con materiali come spray e quarzi. Alcuni abbiamo avuto modo di conoscerli al nostro precedente evento di street art “street like a rainbow” e altri nuovi selezionati in base a ricerche fatte dallo staff organizzativo. Alcuni si sono proposti e dopo aver visto i loro lavori gli abbiamo affidato degli spazi. Il muro riqualificato è di circa 70 metri.

Come avete curato la comunicazione dell’evento?

La comunicazione è stata affidata all’ufficio stampa che si è occupato della parte giornalistica e televisiva. Per quanto riguarda le foto, la fotografa ufficiale dell’associazione si occupa dei reportage e della comunicazione fotografica attraverso canali a cui lei è collegata, cosi come avviene per tutti i nostri eventi. I social utilizzati per Matera sono stati accordati dall’organizzazione completa e per questo evento in particolare Facebook e Twitter.

Su Instagram, invece, il tag usato è stato #streetartmatera, che ha raccolto una 40ina di post dedicati all’evento. Un risultato che si spera cresca in misura proporzionata agli eventi dedicati a questa forma d’arte partecipata, che a pieno coglie lo spirito di condivisione e di comunicazione.

Per saperne di più, cliccate qui.

Condividi:
Potrebbe interessarti anche

Scrivi per primo un commento.

Dicci cosa ne pensi

...