Viaggio tra i graffiti milanesi: scopriamo la street art meneghina con Fonzies

oraziospoto-650047240096208775_48252580

Insieme ad alcuni blogger specializzati in food e fashion, anche noi Igers abbiamo avuto modo di scoprire una Milano inedita ma che in realtà è sotto i nostri occhi. Si tratta della Milano della street art e dei graffiti. Il titolo del tour, non a caso, era: l’arte dove meno te l’aspetti.

L’occasione ci è stata fornita dal brand Fonzies che ha organizzato un tour in pullman facendoci scoprire opere realizzate da artisti normalmente poco noti al grande pubblico, ma in realtà di immenso talento.

L’itinerario si è sviluppato seguendo queste tappe:

Via Olona – Muro KayOne 

Il muro prende il nome dal suo autore, uno dei primi graffiti writer che ci ha fatto anche da guida

Wag Shop in via De Amicis

È il primo negozio hip hop e street wear in Italia, nato nel 1990

Muro stadio Street Players in via Caprilli

Il muro è stato occasione, durante il 2 settembre 2011, del più grande jam di graffiti mai  organizzato prima in Italia, con oltre 300 writer e street artist all’opera tra lo stadio Meazza e l’Ippodromo del galoppo.

Boh 130 e Microbo a piazza Minniti

Bo130, classe 1971, è nato a Milano, si è trasferito a Londra e poi a New York dove ha studiato e perfezionato la propria passione. Microbo è invece una lei, (non si tratta quindi di un mondo solo al maschile):  è cresciuta in Sicilia e ha trascorso gli anni ’90 a Londra studiando e lavorando inizialmente nell’ambito della grafica e della multimedialità.

Muro Leoncavallo via Watteau

Il Leoncavallo (Leonka, per tutti), è un centro sociale nato nel 1975 dall’occupazione di una ex fabbrica di prodotti chimico-farmaceutici dismessa, nell’omonima via di Milano. Dopo lo sgombro avvenuto nel 1994 e un periodo di nomadismo, il centro si stabilizza in via Watteau.

Spectrum Shop, via Casati

Si tratta di un punto di ritrovo per i writer dove acquistare abbigliamento street wear e strumenti per il writing.

 

Il tour è stato davvero interessante, soprattutto per comprendere che l’arte di strada è arte vera.

Ultima tappa, sempre in via Casati, il Pavé Milano, dove è stato possibile rifocillarsi e provare il nuovo prodotto Fonzies Choco, ossia i famosi Fonzies ricoperti di cioccolato… insomma un abbinamento che non ci si aspetta, come non ci si aspetta di trovare l’arte su un muro apparentemente banale, dietro casa nostra.

 

 

Tagged:
About the Author

Consulente che si occupa di progetti digitali dal 2000 e ha lavorato con oltre 200 aziende e agenzie. Dal 2007 ha una sua piattaforma, thesmartraveller.it, dove racconta le sue tre grandi passioni: l'abbigliamento tecnico, i gadget tecnologici e i viaggi con solo bagaglio a mano. È segretario e co-fondatore dell'Associazione Igersitalia. Viaggiatore infaticabile e appassionato runner, lo trovate solo sul cellulare (inutile chiamarlo su un numero fisso) da cui vi risponderà, ovunque egli sia!

1 comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *