Condivisione: EyeEm e la mobile photography

eyeemcoverEyeEm è un’app di “photo sharing and discovery” sviluppata dall’omonima startup tedesca nel 2011.

Abbiamo già parlato di app per la condivisione di foto alternative a Instagram, per esempio Oggl di Hipstamatic.
Da un punto di vista quantitativo, puramente legato al numero di iscritti e di foto condivise, nessuna di queste app ha superato il successo di Intagram, ma alcune hanno saputo ritagliarsi una nicchia di una certa rilevanza, per la qualità delle foto o per le community vivaci che hanno saputo raccogliere.

Una di queste app è EyeEm.
Alcuni forse la ricorderanno come meta degli esodi in massa che gli utenti Instagram hanno minacciato a ogni cambiamento più o meno controverso annunciato per l’app (l’acquisizione da parte di Facebook, l’inserimento di pubblicità, le modifiche dei TOS per la privacy, eccetera).
In realtà EyeEm è lontana dall’essere un semplice ripiego: è nata come un social network fotografico di tutto rispetto e con caratteristiche interessanti, per poi evolversi in qualcosa di unico diventando la prima piattaforma di ricerca e vendita di foto su mobile.

Il 2014 ha infatti visto il lancio di EyeEm Market, un sistema che permette la messa in vendita delle proprie foto, previa una selezione da parte del team di EyeEm.
Nelle parole dell’amministratore delegato Florian Meissner, EyeEm “porta appassionati e fotoamatori a un nuovo livello, distribuendo le loro immagini attraverso un mercato e dividendo con loro i proventi al 50%” (fonte).

Si è detto, in tono semiserio, che EyeEm stia a Instagram come 500px sta a Flickr, ovvero un’app per fotoamatori e professionisti versus un’app per chiunque.
In realtà nemmeno EyeEm è immune al rumore bianco e a foto brutte o taggate a sproposito, ma mediamente le foto condivise si mantengono su canoni qualitativi più omogenei di Instagram.

EyeEm - Esplora
Il pannello Esplora di EyeEm
EyeEm - geotag
Il sistema di geotagging e l’elegante interfaccia grafica di EyeEm

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

È possibile registrarsi a EyeEm tramite Facebook Connect, oppure con la procedura classica di email e password.
Come su Instagram, per trovare utenti da seguire è possibile ricercare i propri contatti di Facebook e Twitter iscritti a EyeEm, scegliere tra gli utenti consigliati, ricercare direttamente uno username, oppure esplorare i contenuti di EyeEm dal pannello Esplora – e qui EyeEm comincia a farsi originale.

Il pannello Esplora presenta innanzitutto la posizione geografica attuale, le foto più recenti pubblicate nelle vicinanze, e una selezione di album di interesse. Gli album sono a tutti gli effetti raccolte di tag. EyeEm propone in automatico gli album degli ultimi tag utilizzati dall’utente, ma un uso decisamente più interessante della schermata Esplora è personalizzarla scegliendo quali album (tag) seguire.
È una funzione molto utile per tenere d’occhio i tag che si sono lanciati e per seguire i challenge cui si sta partecipando.

EyeEm - Photo Mission
Una Photo Mission, raccolta di foto tematica in collaborazione con terze parti, in questo caso Amnesty International
EyeEm - gli album
Gli Album di EyeEm, raccolte di tag con una buona organizzazione visuale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per stimolare la partecipazione del pubblico, il team di EyeEm pubblica regolarmente nuove Photo Mission, raccolte tematiche di foto annunciate direttamente nel pannello Ultime Novità insieme alle notifiche di like e commenti.
Spesso le Photo Mission sono veri e propri challenge sponsorizzati da terze parti, da Amnesty International a grandi aziende come Lufthansa.

EyeEm non eccelle in tool per l’editing fotografico, e d’altra parte è principalmente uno strumento di condivisione.
Include una ventina di filtri non modulabili, a colori e in bianco e nero, oltre a cornici e un tool per ritagliare la foto in formato quadrato.
Diversamente da Instagram, EyeEm non impone il formato quadrato alle foto ed è possibile pubblicare fotografie in tutti i formati classici: 2:3, 4:5, 3:4.

EyeEm - taggare
Il sistema di tag di EyeEm rinunica al classico # e li integra nella descrizione
EyeEm - i filtri
I filtri e i tool per photo editing di EyeEm: effetti sobri, ben fatti, ma non modulabili.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Come ulteriore segnale della volontà di EyeEm di proporsi come promotore e distributore su mobile di contenuti professionali, il prossimo settembre si terrà a Berlino l’EyeEm  Festival & Awards, un festival e concorso a conclusione del quale una giuria di professionisti premierà le migliori foto in 10 categorie che coprono altrettanti generi, dalla ritrattistica alla foto di architettura.

EyeEm è un’app gratuita e disponibile per tutti i principali sistemi operativi mobile: iOS, Android e Windows Phone.

Tagged:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *