News

Streetart dal mondo: i giorni di Charlie Hebdo

Parte da Parigi, dalla città della strage, la protesta mondiale contro l’attacco terroristico alla rivista Charlie Hebdo. Abbiamo visto pochi giorni fa qual è stata la prima reazione su instagram. Ora vediamo come si sono mossi gli streetartist, che da sempre hanno a cuore il grande tema della libertà d’espressione.

A Parigi il centro delle manifestazioni è Place de la République, dove si erge il monumento con la statua in bronzo della Marianne e le tre statue che rappresentano i tre valori fondanti della repubblica: Liberté, Égalité, Fraternité. Qui le persone che hanno partecipato alle manifestazioni hanno lasciato ogni sorta di messaggio per rivendicare uno dei diritti inalienabili dell’uomo. Proprio alla statua che rappresenta la libertà viene simbolicamente messa in mano una grossa “matita”.

Con matita, gessetti e spray, gli streetartist si sono espressi in tutto il mondo, in modo particolare nelle grandi città europee di Parigi e Londra, ma anche nei posti più lontani, oltreoceano e dall’altra parte del globo.

C’è da dire che non solo sono stati espressi messaggi contro il terrorismo o contro la guerra, alcuni hanno anche evidenziato attraverso le immagini che una matita può ferire come un’arma. Innumerevoli i messaggi dei mussulmani presenti su instagram che condannano l’attacco terroristico, ma testimoniano la loro fede.

(in copertina: graffito di @punkmetender) 

 

A Parigi e in Francia

 

Londra: Brick Lane e Camden Town

 

…altri dall’Europa

 

 

Graffiti dal mondo

E in Italia?

Noi abbiamo intercettato l’illustrazione di @pixelpancho e continuiamo a cercare le opere di altri streetartist. Ne avete già in mente qualcuna? Segnalatecele nei commenti!

illustrazione di @pixelpancho

illustrazione di @pixelpancho

 

 

Condividi:
Potrebbe interessarti anche

Scrivi per primo un commento.

Dicci cosa ne pensi

...