Wynwood: il quartiere della street art di Miami

Navigando tra un profilo Instagram dedicato alla streetart e una Storia pubblicata da un altro, scopriamo il Wynwood Walls di Miami (@wynwoodwallsofficial). Avete presente quando la street art diventa un mezzo per dare nuova vita ad aree della città che hanno bisogno di essere riqualificate?

Il quartiere di Wynwood era un’area industriale piena di magazzini non proprio raccomandabile, finché qualcosa cambia e comincia un certo fermento artistico in città. Nel 2009 l’immobiliarista con la grande passione per l’arte Tony Goldman, decide di reinventare un complesso di edifici con muri altissimi e senza finestre e metterli a disposizione degli artisti come le più grandi e incredibili tele del mondo: nascono così i Wynwood Walls. Accanto sorgerà anche un progetto parallelo, le Wynwood Doors, ovvero lo stesso concetto applicato solo sulle porte di altri edifici adiacenti ai “Walls”.

Oggi l’intero quartiere è il più grande museo della street art al mondo, con murales enormi e sempre nuovi, oltre 70 gallerie d’arte, negozi e temporary shop. Fin dalla loro nascita, i Wynwood Walls hanno ospitato le opere di oltre 50 artisti provenienti da 16 paesi e hanno coperto più di 80.000 piedi quadrati di mura. Sono situati in una zona completamente pedonale che attira turisti da ogni destinazione e residenti, soprattutto in questo periodo dell’anno. In questi giorni, infatti, la città si sta preparando all’Art Basel, una fiera d’arte annuale che si tiene a Miami Beach la prima settimana di dicembre, quest’anno dall’1 al 4. È in occasione di questa grande vetrina internazionale che gli artisti vengono a ritoccare i vecchi lavori o ne creano di nuovi. Vi presentiamo alcune opere che sono state realizzate lo scorso fine settimana seguendo il tema “FearlessWall”.

 

Amazing recap by @chopemdownfilms of the first days of #FearLessWalls at Wynwood Walls! Don’t miss it!

Un video pubblicato da Wynwood Walls (@wynwoodwallsofficial) in data:

 

Pixel Pancho

Vi ricordate Pixel Pancho (@pixelpancho)? L’artista originario di Torino, celebre per il suo stile molto riconoscibile e apprezzato (gli abbiamo già dedicato un articolo), in questi giorni è proprio a Miami per dipingere uno dei suoi caratteristici murales.

 

Faith47

Faith47 (@faith47) è un’artista di fama internazionale originaria del Sud Africa, ma celebre in tutto il mondo da decenni per aver interagito con diversi ambienti urbani. Il lavoro che emerge oggi è spirituale, uno sguardo alla complessità della condizione umana, una ricerca continua che indaga l’esistenza, la dualità dei rapporti umani.

 

 

 

Dasic Fernández

Dasic Fernández (@dasicfernandez) proviene dalla fiorente cultura hip-hop del Cile anni 1990 e ha cominciato all’età di 14 anni a dipingere graffiti. Dopo gli studi di Architettura all’Università del Cile a Santiago, si è innamorato sempre di più della pittura su strada, soprattutto nei suoi viaggi attorno al mondo, che l’hanno portato a vivere dal 2009 a New York.

I suoi idoli sono Vincent Van Gogh e Wassily Kandinsky, ma lui preferisce l’arte di strada perché ha la caratteristica “essenziale” di fornire uno spazio per comunicare direttamente con il pubblico. Sente di rivestire un ruolo di grande responsabilità, sia artistica che sociale, e non manca di dimostrarlo, come quando dopo aver rilasciato un’intervista a un’emittente televisiva cilena e averla vista trasmessa in forma distorta, ha dipinto un graffito di una persona con un lucchetto sulla bocca vicino al suo appartamento nel cuore di Santiago.

Fernández ha portato quel senso di responsabilità anche negli Stati Uniti, dove ha contribuito a dipingere un murales di settanta piedi per protestare contro la legge anti-immigrazione, con l’intento di riportare umanità e rispetto per gli individui.

 

 

 

Tati Suarez

Nata e cresciuta a Miami, Tatiana Suarez (@tatunga) riproduce nelle sue opere ambienti surreali e un mondo etereo pieno di figure accompagnate da ornamenti inquietanti e richiami erotici. Sia su tela che su parete, il lavoro di Suarez è ricco di simboli provenienti dalle sue radici brasiliane e di El Salvador, ricreando una bellezza esotica e inquietante che rievoca racconti incantati. La mitologia naturale e il folklore dalle culture dei genitori influenzano il suo lavoro, come le ricche tavolozze di colori tropicali tipiche del paesaggio sudamericano.

Beau Stanton

Beau Stanton (@beaustanton) è un artista multidisciplinare originario della California, dove ha studiato illustrazione al Laguna College of Art and Design. Con tecnica minuziosa e artigianale, Stanton prende ispirazione da ornamenti storici, iconografia religiosa e pittura classica, dimostrando particolare interesse per i simboli visivi iconici e gli archetipi junghiani. Da quando si è trasferito a New York dopo la laurea nel 2008, trae continua ispirazione dalla storia nautica locale.

 

 

Le opere di Wynwood Walls non finiscono qua… fate un giretto su instagram se siete curiosi di saperne di più!

Quali sono le coordinate?

 

Immagine di copertina: @pixelpancho – foto di @wynwoodwallsofficial

Tagged:
About the Author

Grafica e social media manager di professione, Angela si è innamorata della mobile photography quando ha cominciato ad utilizzare Instagram. Ama viaggiare, intraprendere nuove avventure ed emozionarsi ascoltando musica dal vivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *